LOGO
"

INIZIATIVE

George

George appena arrivato
riposo in un luogo sicuro
in attesa della fisioterapia
e adesso si comincia
finalmente in piedi
sono sempre un pointer
nulla mi fermerà più

GEORGE, UNA STORIA DI TRISTEZZA E SFORTUNA
George, dolcissimo Pointer di 7 anni che viene dall’Abruzzo…
Un giorno di Agosto 2014 George esce dal giardino di casa a Cassino per farsi una corsa nei prati ma, poco distante dall’abitazione, viene investito da un camion della nettezza urbana che non si ferma né a segnalarlo né a soccorrerlo.

Assistono però al fatto due turisti che raccolgono il povero George che guaisce disperato e lo portano dal primo veterinario che trovano.
Si capisce immediatamente che George ha subito una grave lesione alla colonna vertebrale ma, nonostante ciò, il suddetto veterinario non solo non fa a George nemmeno una lastra alla colonna, ma neppure riesce a “trovare” il microchip, di cui George tra l’altro è dotato, decidendo di tenerlo in stallo in qualche modo, solo voltandolo e girandolo su una coperta senza aiutarlo in nessun altro modo.

Il padrone di George, Antonio, di 83 anni, non si da pace: cerca George ovunque e pensa lo abbiano rubato perché in un paese così piccolo, Cassino, un cane che molti conoscono non scompare nel nulla!
Ma Antonio non si arrende anche perché George gli era stato regalato da un amico due anni prima quando, in seguito ad un infarto, Antonio era entrato in depressione ed il dolce e festoso George lo aveva aiutato a venirne fuori.
Ostinato, cerca tu che cerco io, dopo quattro mesi Antonio lo ritrova……

Purtroppo però dalla felicità per averlo ritrovato passa subito alla disperazione perché si rende conto che, a 83 anni e con una pensione minima, non ha nessuna possibilità di occuparsi del cane, di gestirlo nelle sue necessità di paralizzato e di pagare costose cure. Non se la sente però di farlo abbattere senza nulla tentare e, con umiltà, chiede aiuto a noi…non sarà più il suo cane, ma spera che George ancora per molti anni possa godersi l’erba del mattino.

Da qui la nostra richiesta di aiuto: per salvare George da piaghe e quant’altro, si può solo fare la fisioterapia, tanta, affinché recuperi almeno una parziale deambulazione spinale (vedi CARTELLA CLINICA e REFERTO RM; qui potete vedere le immagini RX1 RX2; RM1, RM2 e RM3); inoltre è assolutamente necessario realizzare un carrellino ad hoc così che George possa tornare a “correre” sull’erba del mattino e trovare un’adozione del cuore. Il carrellino che vedete è in “prova”, va bene, ma costa un “BOTTO”. Aiutateci ad aiutarlo se lo merita.

Ma i 2500,00 / 3000,00 euro che serviranno per fisioterapia e carrello, per noi sono veramente tanti e senza il Vostro aiuto, non ce la possiamo fare…

AGGIORNAMENTO GIUGNO 2015:UN CARRELLINO AD HOC

George sul carrellino è un mito!


E' un pointer a tutti gli effetti ma… questo carrellino (nella foto a destra) non va più tanto bene, troppa sollecitazione alla colonna fratturata crea infiammazione e dolore!
Vorremmo cambiarlo con uno medicVet (di Boccuzzi) che permette una postura delle zampe posteriori più naturale, meno sollecitazioni anomale.
Vorremmo provare prima di dover prendere altre decisioni perché la vita va vissuta senza dolore con dignità …provare!
Visita ortopedica e RX di valutazione insorgenza problematiche artrosiche - ciclo antinfiammatori e antidolorifici.....Carrello nuovo....750,00€

Ci date una mano?

Potete aiutarci con una donazione:
CAUSALE: “PER GEORGE”

Servono anche pile, trapunte (le buttiamo quando sono sporche), mangime secco Royal Canin Gastro Intestinal e traverse assorbenti.
Se volete venire a conoscerlo chiamate prima, non sempre George sarà in maggiolina potrebbe essere in fisioterapia.